Autore Topic: Linguaggio naturale strutturato: è davvero superato dai linguaggi formali?  (Letto 91 volte)

Offline vuott

  • Senatore Gambero
  • ******
  • Post: 6.569
    • Mostra profilo
" Chi non vede il non senso del mondo, è vano a sua volta. "

(B. Pascal, 1623 – 1662)

Offline Gianluigi

  • Moderatore globale
  • Senatore Gambero
  • *****
  • Post: 1.767
  • Tonno verde
    • Mostra profilo
Si, ok ma che c'azzecca con noi inteso come programmatori hobbystici in Gambas3?
Il rischio di mandare un nostro progetto all'amatriciana alle severe verifiche, altro non potrebbe portare che al suicidio di alcuni gasatissimi ingegneri informatici qualora malauguratamente dovesse passarne le verifiche  ;D
 :ciao: :ciao:
nuoto in attesa del bacio di una principessa che mi trasformi in un gambero azzurro

Offline kicco

  • Gran Maestro dei Gamberi
  • *****
  • Post: 592
  • So dove andare, seguitemi, ci perderemo insieme!
    • Mostra profilo
Invece secondo me è un quesito interessante per quel che riesco a capire!
Forse è un concetto apparentemente poco pragmatico, anche se poi a voler vedere ha degli aspetti pratici, di comunicazione.
(E sulla comunicazione abbiamo solo da imparare!)
 :ciao:
Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola. (Paolo Borsellino)

Offline Gianluigi

  • Moderatore globale
  • Senatore Gambero
  • *****
  • Post: 1.767
  • Tonno verde
    • Mostra profilo
Si, ok ma al netto delle battute più o meno azzeccate e che, posso anche essere d'accordo, non facciano ridere, ripeto; dove questo si lega alla programmazione con Gambas3?
Può in qualche modo riferirsi al rapporto fra un programmatore Gambas e il micro-imprenditore interessato al "banalissimo" piccolo gestionale (e lo dico senza voler arrecare offesa ad alcuno, offenderei in primo luogo me stesso) o alla utility ad hoc fatta col nostro amato linguaggio?

 :ciao: :ciao:
nuoto in attesa del bacio di una principessa che mi trasformi in un gambero azzurro